città

Con gli occhi della città

“Si apprende nella città,
ma si apprende soprattutto attraverso la città,
con gli occhi della città e avendo la città negli occhi”

Cascina Roma Creative Hub lancia “Con gli occhi della città”, il primo percorso di apprendimento itinerante a San Donato Milanese che lavora sulla capacità di relazionarsi e creare sinergie con il territorio e le sue comunità: un progetto in cui la città diventa spazio di apprendimento individuale e collettivo, ma anche campo di azione.

Il percorso nasce con l’obiettivo di fornire strumenti e metodi di indagine urbana per scoprire la città, esplorarla, attraversarla, interrogarla e conoscerla nei suoi elementi fisici, sociali e di governance. Si propone di fornire una cassetta degli attrezzi essenziale per chi vuole entrare in relazione con il territorio, che diventa strumento di apprendimento e al contempo interlocutore diretto; mette i partecipanti nella condizione di sperimentare sguardi, metodi, linguaggi inediti per agire sul territorio e attivare processi e progetti che abbiano un impatto positivo e siano occasione di espressione delle proprie aspirazioni.

Il percorso avrà una natura immersivo-esplorativa e sarà sviluppato in tre fasi: una prima fase legata all’esplorazione e all’analisi del contesto, in cui i partecipanti saranno invitati a sperimentare e mettere in atto differenti metodi e approcci; una seconda fase dedicata alla raccolta degli stimoli e degli input emersi durante le giornate precedenti e alla progettazione di un’azione collettiva sul territorio e infine un’ultima fase dedicata alla realizzazione dell’output finale.

E’ un percorso che invita a passare dall’esplorazione all’azione nello spazio pubblico e che, nelle sue diverse fasi, indaga le relazioni che uniscono spazio e attori che lo abitano, instaurando una conversazione riflessiva con il territorio: chi partecipa metterà alla prova le proprie capacità e ne sperimenterà di nuove facendosi interrogare dalla città.

Il percorso è gratuito ed è aperto a 15 giovani under 35 con il desiderio di apprendere, mettersi in discussione e sperimentarsi nel territorio.

Invia la candidatura compilando questo form entro il 5 aprile 2022.

Per la buona riuscita del percorso è necessario prendere parte a tutti i momenti formativi; chiediamo quindi di iscriversi solo se disponibili a partecipare al percorso complessivo. In caso di esigenze particolari ma di forte interesse alla partecipazione contattare l’indirizzo email indicato.

Programma

“Con gli occhi della città” è un percorso di apprendimento non formale che partirà il 9 aprile 2022 e terminerà il 29 maggio 2022.

9 giornate di lavoro nei fine settimana (tra venerdì e sabato), con una durata di circa 6 ore ciascuna, a cui potranno aggiungersi ulteriori giornate supplementari dedicate al lavoro di gruppo, funzionale alla realizzazione degli output finali.

Fase 1 – Esplorazione

Si apprende come esplorare un territorio e come fare ricerca sul campo attraverso diversi strumenti, metodi e approcci, attraverso 4 workshop:

  • Percezione: Si interroga l’identità dei luoghi attraverso lo strumento della mappatura e si apprende come può cambiare la percezione dello spazio a seconda di chi ne fruisce.

Docente
Nausicaa Pezzoni è architetto e dottore di ricerca in Governo e Progettazione del territorio. Urbanista di Città metropolitana di Milano, si occupa di pianificazione tecnica e di politiche urbane, in particolare in progetti di riqualificazione delle periferie, welfare metropolitano e rigenerazione urbana, con uno specifico interesse per l’inclusione abitativa e sociale nei contesti marginali. Docente di Urban Planning al Politecnico di Milano, collabora al Master Progettare Cultura dell’Università Cattolica e al Laboratorio Escapes dell’Università Statale di Milano. Tra le pubblicazioni, il libro “La città sradicata. Geografie dell’abitare contemporaneo. I migranti mappano Milano” (O barra O ed., 2013) e la nuova edizione 2020 dal titolo “La città sradicata. L’idea di città attraverso lo sguardo e il segno dell’altro”.

  • Sguardo: Si scopre il territorio attraverso il linguaggio fotografico – documentaristico, utilizzato come strumento per indagare la città e far emergere le specificità.

Docente
Filippo Romano è un fotografo documentarista e di architettura che si è formato all’I.C.P. di New York. Insegna nel master di fotografia NABA e IUAV. Ha collaborato con Domus, Abitare, Io Donna e molte altre testate italiane ed estere, è socio fondatore dell’ONG Live in Slums con la quale da 10 anni porta avanti un progetto su Nairobi ed è socio fondatore dell’associazione Super Festival delle Periferie, con la quale ha documentato e indagato la periferia milanese negli ultimi anni. Vive e lavora a Milano.

  • Corpo: Si attraversa e sperimenta il territorio attraverso esercizi artistico-performativi, con l’obiettivo di indagare il rapporto tra lo spazio urbano e il proprio corpo.

Docente
Elisabetta Consonni coreografa tutto, essere umani e disumani, oggetti mobili e immobili, mappe, interstizi e gruppi vacanze spaziali. Tesse reti di relazioni, sottili e forti, come il vetro di zucchero. Laureata in Comunicazione con una tesi sulla costruzione sociale del corpo nella danza e diplomata al The Place-London, ha poi approfondito la sua ricerca nella performing art vivendo in Olanda e in Polonia. I suoi lavori mirano a espandere la pratica della coreografia cercando dispositivi performativi per incorporare dinamiche e temi del sociale. Il suo attivismo in ambito sociale e civico, prende la forma artistica di un processo di ricerca che dal 2013 indaga l’uso e il significato sociale dello spazio pubblico e la declinazione delle competenze coreografiche nelle pratiche comunitarie. I suoi lavori sono stati prodotti da Teatro Grande di Brescia (IT), Centro Nazionale della Danza Virgilio Sieni (IT), Ariella Vidach AiEP (IT), Konfrontacje Teatralne (PL), Biennale Danza Venice (IT), Orlando Festival (IT), Pergine Festival (IT), Lavanderia a Vapore (IT) e presentati presso  International Dance Theater Festival Lublin (PL), Architecture Biennale Rotterdam (NL), Biennale Danza di Venezia (IT), PIA Palazzina Indiano Arte (IT), Cantieri Culturali Isolotto (IT), Cango (Italy), Zona K (IT), Indisciplinarte Terni (IT), Fog Festival (IT), In/Visible Cities (IT), Danae Festival (IT),  Le Alleanze dei Corpi (IT) Farout (IT), Camposud 2021 (IT), Festival Periferico (IT).

  • Parola: Si esplora il territorio entrando in contatto diretto con le comunità locali, attraverso gli strumenti dell’intervista, del reportage e dello storytelling.

Docente
Angelo Ferracuti è reporter e scrittore.
Nato a Fermo nel 1960, ha pubblicato raccolte di racconti (Norvegia, Il ragazzo tigre), romanzi (Nafta, Attenti al cane, Un poco di buono, La metà del cielo), libri di reportage (Le risorse umane; Viaggi da Fermo; Il mondo in una regione; Il costo della vita; I tempi che corrono; Andare, camminare, lavorare; Addio), la raccolta di testi teatrali Comunista! e, con Mauro Cicaré, la graphic novel L’angelo nero. Scrive per Il Manifesto, La Lettura del Corriere della Sera, Left, Il reportage.
Il suo ultimo libro è Non ci resta che l’amore (Il Saggiatore, 2021).

Fase 2 – Formulazione

I partecipanti saranno invitati a condividere e discutere con il gruppo i diversi input emersi dalle giornate precedenti e a definire una strategia collettiva di azione sul territorio, progettando una modalità per restituire l’esperienza di indagine condotta.

Fase 3 – Azione

I partecipanti esporranno quanto appreso e la loro esperienza di indagine attraverso azioni di intervento nello spazio pubblico, proponendo azioni di risignificazione e riappropriazione dello spazio o interventi che costituiscano soluzioni (anche temporanee) ad alcune delle criticità riscontrate nel contesto di San Donato Milanese.

Docenti
Giulia Moresco è consulente presso Avanzi – Sostenibilità per Azioni, si occupa di ricerca e progettazione sui temi dell’innovazione sociale e della rigenerazione urbana, con un focus particolare su processi di rigenerazione a base culturale.
Supporta in attività di coinvolgimento delle comunità locali e in processi di riattivazione di spazi dismessi o sottoutilizzati, collabora inoltre nella costruzione di percorsi di formazione e capacitazione.
Laurea in Scienze dei Beni Culturali, si è specializzata in progettazione culturale a impatto sociale.
Ha maturato diverse esperienze nel Terzo Settore dove, dal 2015, si è occupata di organizzazione eventi e comunicazione; dal 2019 progetta azioni culturali place-based e segue progetti di valorizzazione territoriale e inclusione sociale.

Khadidja Konate è laureata in Architettura Sostenibile e Progettazione del Paesaggio al Politecnico di Milano e successivamente ha lavorato a Belfast con Urban Scale lnterventions, studio di consulenza e progettazione partecipata all’avanguardia.
È sempre stata affascinata dalla progettazione partecipata a qualsiasi scala e negli anni si è focalizzata in particolare sulle metodologie e sugli strumenti creativi in grado di coinvolgere concretamente le comunità nelle decisioni riguardanti le proprie città. Dal 2022 è consulente presso Avanzi.

Per informazioni o dubbi:  info@cascinaromacreativehub.it 

 

(Foto in copertina: Archivio storico ENI)

The event is finished.

Schedula per Ore

5 aprile 2022

Scadenza invio candidature

9 aprile 2022

Inizio percorso

29 maggio 2022

Fine percorso

Data

09 Apr 2022 - 29 Mag 2022
Expired!

Luogo

San Donato Milanese

Organizzatore

Cascina Roma Creative Hub
Email
info@cascinaromacreativehub.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dicci la tua!

Inserisci i tuoi dati e scrivici per qualsiasi richiesta o suggerimento!